55. FONG – LA COPIA



7
7

7

Cenn è il moto, Li, la fiamma, la cui qualità è la chiarezza. Nell'interno chiarezza, verso l'esterno movimento, ciò dà grandezza e copia.
E’ un tempo di alta civiltà quello che il segno rappresenta. Tuttavia nel
fatto che si tratta d'un culmine sta anche già l'idea che questo straordinario stato di copia non potrà essere mantenuto durevolmente.

LA SENTENZA

La copia ha riuscita.
Il re la raggiunge.
Non rattristarti; tu devi essere come il sole a mezzogiorno.

Instaurare un tempo di massima grandezza e copia non è concesso
ad ogni mortale. Deve essere un sovrano nato quegli che è capace di
tanto perché la sua volontà mira alla grandezza. Il tempo di tale copia
dura di solito poco. Un saggio potrebbe quindi ben rattristarsi di fronte
al declino che dovrà interiormente. Ma tale tristezza non gli si addice. Soltanto un uomo che sia interiormente libero di preoccupazioni e pene potrà
far sorgere un'epoca di copia. Egli dev'essere come il sole a mezzogiorno, che illumina e rallegra ogni cosa sotto la volta del cielo.

L'IMMAGINE

Tuono e fulmine vengono entrambi:
L'immagine della copia.
Così il nobile decide i processi ed esegue le punizioni.

Il segno ha un certo rapporto col segno il Morso che spezza,
N° 21, dove tuono e fulmine stanno pure assieme, ma si seguono in
senso opposto. Mentre lì le leggi vengono fissate, qui esse vengono eseguite ed applicate. La chiarezza all'interno rende possibile un preciso
esame della situazione di fatto, e lo scuotimento fuori si cura di eseguire le punizioni con severità e precisione.

LE SINGOLE LINEE

Nove all'inizio significa:

Incontrando il signore destinatoci,
Si rimanga pure per dieci giorni insieme, e non è
un errore.
Recarvisi trova riconoscimento.

Per instaurare un tempo di copia occorre unire chiarezza con energico movimento. Là dove queste due qualità si trovano in due uomini,
questi uomini sono adatti l'uno per l'altro, ed anche se al tempo della
copia essi stanno insieme per un ciclo intero ciò non è di troppo e non è
un errore. Per questo si vada pure e si operi; verrà apprezzato.

Sei al secondo posto significa:

La cortina a talmente copiosa
Che a mezzogiorno si vedono le stelle intorno al polo.
Recandovisi si suscita diffidenza e odio.
Destandolo con la veracità, viene salute.

Succede spesso che tra il sovrano che vuole le cose grandi, e l'uomo che potrebbe eseguire grandi cose, s'infiltrino intrighi e congiure di
partito, la cui influenza è ottenebrante come un eclisse solare. Allora,
invece del sole, nel cielo si vedono le stelle settentrionali. Il signore
viene respinto nell'ombra da un partito che si impossessato del potere. Se in tali tempi si volesse procedere energicamente si urterebbe
unicamente contro diffidenza ed invidia che renderebbero impossibile
ogni movimento. E’ opportuno allora attenersi interiormente al potere
della veracità, la quale è tanto forte da agire sul sovrano attraverso
l'invisibile, così che tutto va bene.

Nove al terzo posto significa:

La sterpaglia è talmente copiosa
Che a mezzogiorno si vedono le stelle piccine.
Egli si frattura il braccio destro. Nessuna macchia.

E’ dipinta qui come immagine la progressiva copertura del sole.
In questo punto è raggiunta la totalità, perciò a mezzogiorno si vedono persino le stelle piccine.
Trasferito alle condizioni sociali qui il principe è talmente ottenebrato che anche le persone più insignificanti si possono spingere innanzi. Allora è impossibile che un uomo capace, che d'altronde dovrebbe
essere la mano destra del sovrano, possa intraprendere qualche cosa. E’
come se la mano fosse fratturata. Ma non è colpa sua se egli a talmente impedito d'agire.

Nove al quarto posto significa:

La cortina è talmente copiosa che a mezzogiorno si
vedono le stelle intorno al polo.
Egli incontra il signore suo uguale. Salute!

Qui l'oscuramento sta già scemando, per questo quelli che si corrispondono s'incontrano. Anche qui bisogna trovare il complemento:
alla voglia d'agire, la necessaria saggezza. Allora tutto andrà bene. Qui
preso in considerazione il complemento opposto a quello della prima
linea. Lì la saggezza aveva da essere completata dall'energia, qui energia dalla saggezza.

O Sei al quinto posto significa:

Vengono delle linee, si avvicina prosperità e gloria.
Salute!

L'uomo dominante è modesto, così che egli è accessibile al consiglio dei capaci. Così entrano nel suo ambiente degli uomini che gli
suggeriscono le linee direttive dell'azione. Così viene prosperità, gloria
e salute per lui e per tutto il popolo.

Sei sopra significa:

Ha la copia in casa.
Egli cela la sua famiglia.
Egli spia attraverso il portone
E non si accorge più di nessuno.
Per tre anni egli non vede più nulla. Sciagura!

E’ disegnato qui un uomo il quale per la sua superbia e caparbietà ottiene il contrario di ciò che ambisce. Egli ricerca copia e sfarzo per
la sua abitazione. Vuol essere signore assoluto in casa sua. Ma con ciò,
egli si aliena la sua famiglia così che alla fine rimane solo e abbandonato.